martedì 9 luglio 2013

Addio Blog :')

Chiedo umilmente perdono per il ritardo, questo blog andava chiuso entro giugno! Ma tra studio e balle varie non ho avuto nè tempo nè voglia. Dunque, che dire. Questo è l'ultimo post di questo blog che mi ha accompagnata durante l'anno più difficile, importante, intenso, bello della mia vita. È stato come un compagno di viaggio, un posto dove sfogarmi e devo ringraziare tutti voi per tutte le visite, i commenti e i complimenti che mi avete fatto, sono contenta che questo sito che ho creato così a caso vi sia stato utile :) Ad ogni modo, ormai sono in Italia da 3 settimane e devo dire che sto bene, casa è sempre casa, non c'è niente da fare! Parlare in italiano con gli amici e capirsi al volo, le battute, l'ironia, la spontaneità. Tra l'altro sono appena tornata da una vacanza a Finale Ligure con l'Alice e altri amici, e penso che ogni anno che ci andiamo diventiamo sempre più uniti. Ovviamente non mi sono dimenticata degli amici americani, infatti sento spesso Bobby e mi scambio snapchat con Jake (quando sarete in America capirete bene cos'è sto benedetto snapchat haha). Non mi mancano poi così tanto, cioè non fraintendetemi, voglio dire che sono talmente impegnata e circondata da persone che non ho nemmeno il tempo per pensare all'America. Ovvio che se fossero qui con me sarebbe bellissimo, inutile dirlo! Insomma, rientro direi più che positivo..senza contare che tra meno di 3 settimane parto per la Puglia (con l'Alice chiaramente haha, stiamo recuperando bene un anno di separazione), e chi mi conosce sa bene CHI c'è in Puglia. Mamma mia un anno che non lo vedo, non so come io abbia fatto. Il 26 agosto iniziano gli esami di integrazione per i crediti, la mia amatissima scuola mi fa fare tutto il programma di tutte le materie, il che è umanamente impossibile, quindi devo parlare con i prof per farmi togliere delle parti. Sono un po' invidiosa dei futuri exchange haha, siete fortunati voi che state per partire! Vi auguro di vivervela al meglio, che è un'esperienza che non torna più indietro, il tempo non vi aspetta e in men che non si dica sarà già ora del rientro. È un'esperienza che ti cambia, anche se magari non te ne accorgi. Insomma, è una figata. Sapete quant'è bello dire 'ho fatto un'anno in America'? Sapere di avercela fatta, tutto con le tue forze senza l'aiuto di nessuno, essere una di quelle poche persone che hanno avuto il coraggio di buttarsi in quel grande 'forse'. Ora il mio Dream Called America è finito, ma tutte le parti brutte non le ricordo, la difficoltà dei primi giorni non me la ricordo, la solitudine a scuola non me la ricordo. Non mi ricordo più nemmeno di Johanna, non la sento più ed è giusto così...l'unica cosa che mi ricordo è il divertimento coi miei amici in quella benedetta biblioteca, tutte le persone che mi hanno fatta ridere con la loro pazzia, la tristezza mia ma anche degli altri durante l'ultimo abbraccio. Ho preso IL MEGLIO DEI DUE MONDI. Spero davvero che possiate vivere un'esperienza bella come quella che ho vissuto io e che alla fine del vostro programma all'estero possiate essere così felici e soddisfatti come lo sono io, perchè ne vale davvero la pena, nonostante tutte le difficoltà. Ora è giunto il momento di salutare voi e questo mio amico blog, continuerei fino a settembre ma non avrebbe senso. È nato per l'America e finisce con l'America. Ciao a tutti, e buona fortuna. E un 'a presto' a tutti i futuri exchange di Intercultura di Milano, ci vediamo alle riunioni! :)

FATTO :)

sabato 22 giugno 2013

Hey Italy.

Beh che dire..sono a casa. E' strano, davvero strano. C'è stato un po' di shock culturale, diciamo che ad alcune cose non sono più abituata e nemmeno mi ci voglio riabituare. Qua tutte le persone attorno a me parlano italiano, e mi da fastidio. Le persone che urlano parlando al cellulare mi danno fastidio. Salutarsi con i due baci sulla guancia mi da fastidio, preferisco gli abbracci.
In aereo sono riuscita a dormire due ore, tra l'altro ho dovuto cambiare terminal e non lo trovavo, diciamo che essere a JFK da sola per 8 ore non è stata una delle esperienze più belle della mia vita, ma okay. Arrivata a Malpensa ho ritirato quasi subito la valigia, e mia mamma mi ha fatto il video mentre uscivo agli arrivi, che chiaramente non riesco a postare. C'erano mio nonno, l'altro mio nonno, i miei genitori e Ale, un mio carissimo amico che conosco da 15 anni. C'era anche Pepe, il mio barboncino, con una maglietta con la bandiera italiana e la scritta 'bentornata sorella', bel patatino mio. Appena l'ho visto non riuscivo a smettere di dire 'ma quanto sei minuscolooo?' perchè ormai mi ero abituata alle dimensioni della bestia Oliver. Volevo la pizza, ma la mia famiglia mi ha giustamente ricordato che alle 9 del mattino le pizzerie sono chiuse lol, quindi siamo andati a casa, nel tragitto non ho fatto altro che parlare di Jake, cosa che secondo me non avrei dovuto fare con lì Ale, ma lui sembra avermi capito perfettamente e dice che è normale che io parli dell'America. Appena arrivata a casa dei miei nonni ho mangiato bresaola, grana e prosciutto crudo dhfkjdgf, nettare degli dei. Ho dormito da mezzogiorno alle 7 ahah e poi a cena sono andata con i miei a mangiare la pizza a Pavia, mamma mia la bontà, gente, la bontà. A casa ho appeso la bandiera in camera mia e poi sono andata a letto a mezzanotte, stranamente sono pure riuscita a dormire e l'indomani mattina sveglia alle 6:30 per andare a fare gli esami del sangue yuhuu, ho seriamente paura dei risultati, dopo tutto ciò che ho mangiato in America avrò il colesterolo al limite dell'infarto. Ho sbrigato un paio di commissioni, sono andata a scuola a prendere i programmi, la segretaria per qualche miracolo divino è stata pure gentile, parlato con preside e prof di biologia, scoperto che siccome ho fatto quella materia in America non devo fare l'esame a settembre, gioito come non mai alla vista dei bocciati nella mia classe (finalmente dopo 4 anni non romperanno più le palle), rivisto Edo, parlato con Nigel, andata in Duomo (che è ancora più bello di quanto m ricordassi), andata a casa dell'Ali, rivisto Bea e preso un gelato da GROM (finalmente), andata a fare l'aperitivo sui navigli con i miei amici. Okay, parentesi *rivedere gli amici*: pensavo peggio. Pensavo che stando con loro sarei stata tipo 'oddio che palle voglio tornare in america', invece no. Cioè, a parte che ho praticamente parlato su fb con Bobby per tutta la sera e fatto Skype con Johanna, ho totalmente dedicato le mie attenzioni agli italiani ahaha. Il cibo dello Slice, gente. Ho mangiato come se non ci fosse stato un domani. Ah, e poi continuavo a mandare snapchat ai miei amici americani con le foto dei nostri drink, scrivendo 'hope your having fun in murica!' ahaha. Jake invece mi ha mandato uno snapchat con la foto di un mazzetto di soldi e la scritta 'penso siano abbastanza (per venire in Italia)', che amore. Mi manca non tanto, di più. Ogni cosa che faccio penso 'se Jake fosse qua potrei mostrarglielo...'. Yeah because guess what, alla fine we were not just friends lol. (SCOOOOP, ma penso l'aveste già capito). Ad ogni modo, se quel benedetto iPhone funzionasse, potrei tenermi in contatto con lui, ma non vaaa D: devo andare al centro tim dopo...Ah comunque stavo dicendo dei miei amici...sia a me che all'Ali hanno dato un cartellone con su la bandiera italiana e la scritta 'welcome back', e dietro tutti i loro nomi, bell'idea davvero non me l'aspettavo. Ieri non ho visto nessuno perchè abito in culo ai lupi, mentre oggi andrò dal dietologo. YEAH. Io e l'Ali ce la faremo. SI. SIAMO CARICHE. 10 kg in un mese, prima di scendere in Puglia, ce la possiamo fare.
Bene cambiando argomento, parte psicologica: mi sento come se fosse stato tutto un sogno, come se tutto stia pian piano svanendo. In fondo in fondo so che l'esperienza che ho fatto nessuno me la potrà mai togliere, sarà sempre parte di me, ma è come se ormai fossi troppo lontana da quella realtà. E più che sentirmi con la mia famiglia e con i miei amici non posso far nulla, proverò a mettere dei soldi da parte per tornare a trovarli il prima possibile, ma non si sa mai.

3 days later...
Okay chiedo perdono, ho scritto questo post l'ho scritto penso martedì o mercoledì, ma mi ero dimenticata di pubblicarlo. Coi miei amici va sempre meglio comunque, cioè ieri sera all'inizio ero un po', come dire, annoiata, ma poi quando siamo rimasti pochi mi sono divertita un sacco e si vede che quest'esperienza mi ha resa più sicura di me stessa, perchè il nostro è un gruppo particolare, ogni tot si aggiunge gente nuova, amici di amici, è un gruppo un po' in movimento. Li ho seriamente odiati quando hanno fatto camminare me e l'Ali per un'ora e mezza perchè da Brera hanno voluto spostarsi in Solari, ma okay. Gli esami del sangue non sono andati male come pensavo, ma la dieta si fa lo stesso. Bene gente, ora vi metto un paio di foto e poi a breve farò il post conclusivo di questo blog che è stato per me come un compagno nell'esperienza più bella della mia vita :)
Ciao a tutti :)





domenica 16 giugno 2013

Festa a sorpresa!

Okay, prendete un bel respiro, preparatevi al post più lungo della storia di Blogger. Scriverò un casino per due motivi: devo aspettare 8 ore che arrivi il volo per Francoforte + ho davvero tanto da dire ahah. Bene cominciamo con i fatti di cronaca. Venerdì sono andata al coffee shop con Mrs. Shaffner, la signora che mi aveva trovato il date per il ballo di febbraio, voleva vedermi per l'ultima volta e sentire un po' il resoconto di quest'esperienza. Venerdì sera dopo cena la mia famiglia mi ha fatto trovare una torta con scritto 'Congratulations Martina, we'll miss you', e l'abbiamo mangiata tutti assieme invitando anche i vicini, ovvero Johanna e la sua host family ahah. Poi io Johanna e Bobby siamo stati un po' insieme e nulla di che. Dunque invece ieri mattina alle 9 mi sono dovuta alzare per dire addio a Leila (sister), sinceramente per quello che ha fatto sarei potuta benissimo rimanere a dormire, il suo addio è stato un abbraccino sforzato di 0,00001 secondo e ha detto 'bye Martina, i'll keep in touch with you on facebook' e se n'è andata al suo campo estivo. Sono tornata a letto e verso le 15 (in ritardissimo) sono andata al Graduation Party di Amanda (la cugina di Bobby) e mentre ero lì Johanna se ne esce con: "Guarda che sto andando a casa perchè ho cose da fare, tu resta pure qui" io ero tipo 'ma non conosco sta gente con chi diamine sto?' ma sapevo benissimo perchè doveva tornare a casa, avevo già scoperto che mi stava organizzando qualcosa (credetemi, non volete sapere come). Quindi nulla sono stata un po' lì e noi ragazzi siamo entrati nel gonfiabile a saltare e fare giochi stupidi, finchè io sono caduta sul lato dove c'è la rete e ho fatto cadere tutto, che figura di merda. Verso le 16:30 Brittany, una che era con me a gym class, mi ha riportata a casa in macchina e ho speso tutto il pomeriggio a fare la valigia. Inutile specificare che ho avuto diversi problemi con essa, tant'è che ora ho l'ansia che tipo si aprano le cerniere per il contenuto esagerato. Che Dio me la mandi buona. Verso le 19:30 sono andata da Johanna per passare a detta sua 'una serata tranquilla', e siccome immaginavo che ci fosse la festa a sorpresa ero tipo lì che cercavo le persone per casa sua invece non c'era nessuno ahaha. E comunque lei era strana, si vedeva che mi stava nascondendo qualcosa anche perchè continuava a dirmi che stava messaggiando con Bobby mentre a un certo punto sento la risata di Jake, e lei mi fa 'no no è Bobby giuro'. SENTI, la so riconoscere la risata del mio migliore amico, fidati ahah! Beh dopo tutti questi misteri ho detto addio alla sua famiglia e poi fa 'andiamo a fare una passeggiata' e mentre ci avviciniamo verso casa mia inizia la canzone 'Time of my life' dei Green Day, proveniva dal mio giardino dove c'era anche un tavolino con bibite e patatine. Per terra c'era pieno di scritte col gesso, al cancello c'era appeso un cartello e appena sono entrata (chiaramente in lacrime) tutti i miei amici uno ad uno sono usciti dalla porta, iniziando con Dylan :') Sono corsa su dalle scale ad abbracciare lui e gli altri, mamma mia gente che serata. Eravamo io, Johanna, Jake, Dylan, Alyssa, Kayla, Lucas, Natalie, Nigel, Bobby e l'altro Dylan (quello che mi piace), a un certo punto è arrivato pure Chris. Non so nemmeno cosa raccontare, abbiamo parlato di tutto, di me e Jake, siamo stati davanti al fuoco, fatto video, suonato il piano. Jake mi ha scritto una lettera da brividi, io la stavo leggendo seduta in un angolino, non avevo ancora finito la seconda pagina che arriva Dylan biondo e mi fa 'guarda che c'è Jake che sta piangendo'...Sono entrata e l'ho visto seduto sulle scale a piangere, mi si è stretto il cuore. Mi sono seduta con lui e dopo un po' si è calmato e siamo usciti dagli altri, finchè a un certo punto verso le 11 lui e Dylan dovevano andarsene. Non sto esagerando, è stato il momento più difficile della mia vita. E' stato terribile, non so nemmeno come descriverlo. Io stavo letteralmente singhiozzando, loro due mi abbracciavano, poi Dylan è salito in macchina (guidava lui nonostante fosse la macchina di Jake, cioè non riusciva nemmeno a guidare...) e noi due ci siamo dati l'ultimo saluto. So che detta così sembra davvero tragica, ma per me lo è stato realmente, cioè la consapevolezza di non rivederlo più mi uccide. Ho visto la macchina allontanarsi, sono stata un po' lì fuori e poi sono entrata in casa, seduta sugli stessi gradini a piangere, di nuovo. Ora vi scrivo ciò che mi ha scritto nella lettera, però in italiano:
      Martina,
sono seduto qua pensando al tempo. Ma dov'è finito? La ragazza che ho incontrato in palestra con un forte accento e la pelle abbronzata. La mia date dell'Homecoming, la mia amica (nerd) della libreria, la mia grande amica. Guiderò via dalla casa in cui siamo ora e ricorderò quella ragazza che ha cambiato la mia vita per sempre. Mi hai cambiato, che tu lo creda o meno. Le esperienze che ho avuto con te, i momenti che abbiamo condiviso, nessuno ti sostituirà. Rimarrai sempre nel mio cuore Martina. E' come se ti conoscessi da sempre, ma sono stati 10 mesi, 10 mesi troppo presto :( Non riesco nemmeno a pensare ora, è la lettera più difficile che abbia mai scritto. Continuo solo a pensare ai momenti che abbiamo avuto insieme, tipo ballare o fare casino in libreria, homecoming, al ristorante 'Olive Garden' , in centro, a casa di Johanna. Non voglio che questa sia una lettera triste. Voglio che sia un promemoria di divertirti e tirare fuori il meglio da tutto, crescere sempre dal passato e imparare da esso. Voglio solo che tu sappia che sono il ragazzo più fortunato al mondo perchè tu sei entrata nella mia vita. Proverò a non piangere ora, ma cercherò di rendere questa tristezza la mia forza. So che questa è una lettera del cavolo ma per favore capisci che sto andando attraverso un momento duro ora. Promettimi che non dimenticherai mai tutti i ricordi che abbiamo insieme, sei entrata nella mia vita e ci rimarrai. Ti prometto che un giorno quando sarò più grande viaggerò in Europa e verrò a trovarti. Ti voglio bene. Scusa che questa lettera è *parolailleggibile* e non ha senso. Il tuo amico ora e per sempre, Jake. 

Penso non ci siano bisogno di commenti. Chiaramente anche io gli ho scritto una lettera, ma mi sono rotta di scrivere quindi metto solo la foto ed è in inglese (you don't say?!). 
Alla fine nulla, sono stata un po' con gli altri, sono mooolto felice che Dylan che mi piace sia venuto, cioè rendetevi conto, sono passata da seguirlo di nascosto nei corridoi ad averlo a casa mia per il mio goodbye party, cioè wow ahahah. Ho salutato Alyssa e poi Kayla, e poi alle 2:30am anche gli altri se ne sono andati, ero triste ma avevo seriamente finito le lacrime. Alle 4:30 di mattina ho lasciato casa, Johanna e Natalie sono venute con me in aeroporto e Johanna piangeva un sacco e ha fatto piangere anche me, e ho continuato per tutto il volo ahah, ora sono qui in aeroporto a New York che sto aspettando il prossimo volo. Il check-in apre fra 2 ore e mezza, quindi ho la vaga sensazione che ora andrò a cercare uno Starbucks o qualcosa del genere. Aver lasciato tutto sembra davvero strano, non ci posso davvero credere. Non posso credere che questo giorno sia arrivato così in fretta. Non si può descrivere, certe cose bisogna viverle sulla propria pelle per poterle capire davvero. Ora vi riempio di foto e video e poi trovo qualcosa da fare per le restanti 7 ore yuhuuu! Ah, il primo video dura dieci minuti, raccoglie tutta la mia esperienza :) Ciaoo! Vi scrivo dall'Italia quando arrivo! :D



TOOORTA

HOST FAMILY

MIA LETTERA X JAKE

<3

I'LL MISS U TOO

REGALO DA NIGEL 

AMORINIII

BYE JOHN :(

KAYLAA :(

CIAAAO AMORE MIOO <3

SURPRISEEE

L'ALTRO AMORE MIOO <3

IL  TERZO AMORE MIOO

COME SI FA A LASCIARLI?

LUCASSSS

BOBBYYY

NIGEL :D

LOOOOL

AHAHAHAHAH

<3

REGALO DA NATALIE (FRONT)
REGALO DA NATALIE (BACK)
<3

venerdì 14 giugno 2013

Having Fun pt.2

(Questo post doveva essere pubblicato ieri ma ho voluto aspettare per mettere anche i video)
Beh...è l'una di notte, stasera siamo tornati presto, poco prima di mezzanotte, e non ho capito il perchè sinceramente. Va beh, sono pur sempre in America, di cosa mi lamento!? Chiaramente non ho sonno perchè oggi mi sono alzata alle 2 ahah, mi succede sempre quando sono in vacanza, un'estate ero addirittura arrivata a non addormentarmi fino alle 7 del mattino e svegliarmi tipo alle 8 delle sera dopo. Bene, dopo questo aneddoto davvero interessante, passo ai fatti. Dunque ieri non ho fatto nulla, se non parlare un po' con Bobby e 'litigare' con Jake per sms perchè è davvero un idiota. Gliela lascio passare solo perchè sono i miei ultimi giorni e non voglio avere un brutto ricordo di lui quando torno a casa. E perchè ho capito che un po' mi piace, ma questo è un altro discorso hahahaha. Magari avresti dovuto capirlo ad Ottobre Martina, non due giorni prima di tornare in Italia, ma okay. Ad ogni modo, appena svegliata ho fregato i gessetti colorati a Johanna e mi sono messa a fare sta cosa per strada (la gente chiaramente mi avrà presa per demente ma pazienza):

 Invece stasera eravamo io e Jake + Johanna e Bobby, situazione alquanto imbarazzante dato che loro due continuavano a baciarsi e fare i teneri mentre noi eravamo tipo un km l'uno dall'altra hahaha. Siamo andati in centro. Ora, dopo 18 anni che vive a Pittsburgh, si è svegliato e ha capito che andare in centro la sera è divertente, che 'divertirsi' non significa andare a casa di qualcuno a fare niente. Tant'è che a un certo punto ci separiamo da 'quei due ritardati' (cit. Jake) e rimaniamo da soli, e mi fa: "Non mi sono mai divertito cosí tanto, nel senso non veniamo mai in centro con gli amici" Al che io ero tipo: "Sí perchè la vostra idea di divertimento consiste nello stare con gli amici a far nulla, ma se hai una macchina e una bellissima città perchè stare a casa?" Boh, questa è davvero una cosa degli Americani che non capirò mai! Cioè okay quelli che vivono nel bel mezzo del nulla, ma siamo a Pittsburgh cavolo! Va beh. Abbiamo parlato un sacco comunque. Mi ha detto che si vede che Johanna ha due facce (grazie a dio l'ha capito almeno lui), e poi parlando del fatto che non voglio tornare mi fa: "Ma davvero siamo cosí importanti per te?" E io gli ho detto che anche senza saperlo mi hanno aiutato un sacco, e che ora che ho creato qui una vita partendo dal nulla la devo lasciare. Abbiamo parlato un po' di tutto insomma, e a un certo punto faccio 'ma dove stiamo andando?' E lui 'vedrai'. Mi ha portata a una cosa chiamata 'The point', è praticamente la punta della città dove poi si divide il fiume, e li sulla punta c'è una fontana fantastica, e ti vedi l'acqua della fontana con dietro i ponti e i grattacieli illuminati. TROPPO BELLO. Vi metto un po' di foto (le prime due le ho prese da internet perchè Jake è un pessimo fotografo e comunque le foto che abbiamo fatto non rendono l'idea):
(il video dovrebbe andare in fondo ma non riesco a spostarlo ahaha)

video





Ecco dalle foto fatte da lui non si capisce quanto fosse bello, ma giuro era esattamente come nella prima foto! Beh, poi a un certo punto ci chiama Bobby, e dice di essere all'inizio del ponte, e Jake gli risponde di non muoversi che stavamo arrivando, al che gli faccio: "Sei sicuro che siamo sul ponte di cui stava parlando? Perchè sai, a Pittsburgh ce ne sono più di 400 ahahaha", non so se alla fine fosse quello giusto o no, ma a un certo punto sento un 'buuuh!' mamma mia Bobby mi ha fatto venire un infarto, ho tirato un urlo allucinante. E nel casino più totale Jake ha detto qualcosa tipo 'sto iniziando a realizzare che stai per partire' ...EH GIA, è solo da Aprile che te lo dico. Alla fine nulla siamo tornati e ora non ho ancora sonno, yeah. Nel prossimo post vi metto dei video, ora non riesco perchè sono dall'iphone, quindi vi riempio di foto! Vado ora, notte!





mercoledì 12 giugno 2013

I don't wanna leave these people.

Parto a raccontare i fatti poi passo alla parte psicologica. Dunque, ero rimasta a domenica sera...lunedí è stata una delle serate più divertenti della mia vita, mamma mia che ridere. All'inizio eravamo solo io, Bobby e Johanna, poi appena ha finito di lavorare è arrivato Jake. Abbiamo 'visto' un film, [...], e alla fine Bobby verso mezzanotte doveva andare a casa, quindi siamo rimasti solo noi 3. Da bravi ragazzi, siamo sgattaiolati fuori di casa e con la macchina di Jake (senza il tettuccio, di nuovo, stavo congelando diamine!) siamo andati nel parcheggio di non so cosa e Dylan (biondo) ci ha raggiunti! Ora, già ad essere con Jake e Dylan ti diverti a prescindere, ma ancora di più se si decide di andare da Walmart (con 'si decide' intendo 'li ho obbligati'). Fuori da Walmart c'erano delle specie di macchinine/carrelli (poi metto il video) e loro due chiaramente si sono messi a girare per tutto il negozio facendo i coglioni, Jake addirittura stava usando una bicicletta, e poi hanno iniziato tipo a giocare con i tubi di gomma che si usano per acqua gym...finchè la manager di Walmart ci ha visti e ci ha sbattuti fuori. Gia. Quindi nulla abbiamo girato un po' in macchina e alla fine siamo andati a Mount Washington, che é veramente una figata perché é la parte dove si vede tutta la città e i grattacieli. Ci ero già stata quando c'era qui l'Ali, però era giorno quindi i grattacieli non erano illuminati. Questa volta invece erano tipo le 2 di notte, perciò il panorama era fantastico.



Dopodiché siamo andati da Sheets a prendere da mangiare ahah, e alla fine a casa di Jake (svegliando sua madre alle 3 di notte, se mio figlio dovesse fare una cosa del genere potrei seriamente sbatterlo fuori di casa). Siamo stati un po' lí a far nulla e alle 3:30 ci ha riportate a casa. Bellissima serata, davvero, ancora meglio delle serate in Italia. 
Ieri sera invece non abbiamo fatto nulla, stavo organizzando di andare ad un bar con Jake ma alla fine mi fa 'non so se esco stasera' OKAY .-. Quindi ho passato tutta la serata su Skype con Luigi (dopo tipo 5 mesi che non ci sentivamo, non di certo per colpa mia) e al telefono con la Camilla (mia amica che sta a Washington DC). 
Parte psicologica: FATEMI RESTARE QUAAAAAA *faccinadisperata*. Ma come si fa a dire addio a persone che ti hanno fatto vivere l'anno più bello della tua vita? Come faccio? Dei miei amici in Italia, credetemi, me ne frega meno di zero ormai, io sto bene con i miei amici americani. E mai e poi mai avrei pensato di dire una cosa del genere, ma é così. Solo al pensiero di lasciarli mi viene un nodo in gola, non é giusto...é stato destino che li conoscessi, perché pensate solo al fatto che il giorno in cui ho conosciuto Jake ero totalmente decisa a cambiare quella gym class, poi lui è venuto a presentarsi. Pensate se l'avessi cambiata davvero quella classe, ora né lui, né Dylan, né Sean sarebbero nella mia vita. Pensate se a novembre avessi deciso di andare davvero nella scuola di Greensburg, perché era quella la mia intenzione. Boh, cioè sono parte della mia vita, e come si fa a lasciare parte della tua vita? Tra 4 giorni torno all'altra parte della mia vita, e come ha detto Luigi dovrò ricominciare tutto da capo, saró una persona nuova quindi dovrò avere una vita nuova. La mia più grande preoccupazione é che frequentando le persone di prima io tornerò ad essere quella di prima..spero che non accada. Santa Intercultura che ci fa conoscere tra di noi Exchange Students di Milano prima di partire, meno male che ho loro. Ora la smetto con ste cose, vi metto i video (scusate per la mia risata, sembro una troglodita) e vado a vedermi un film! A presto! E grazie per le 50.000 visite!!! :D 
E auguri Soraya, Davide e Filippo :)

video video