venerdì 5 febbraio 2016

Biotech

Ciao a tutti! Oggi non sono qui per parlare dell'America, non sono qui per raccontare chissà quali avventure; oggi sono qui perché sento la necessità di scrivere, voglio usare questo mio amico blog un po' come se fosse una terapia. Sono successe tante cose dall'ultima volta che l'ho aggiornato, ho visto Dylan (è venuto a trovarmi qui a Milano), Mr Boggess purtroppo non c'è più, ho iniziato l'università, ho conosciuto mille nuove persone. Ma oggi vorrei parlarvi di una cosa molto importante per me: il mio futuro. Io, nel mio futuro, vedo tantissime cose belle. Vedo la realizzazione degli sforzi che sto facendo adesso. Ma la cosa principale è che vedo il lavoro che sogno di fare esattamente dal momento in cui ho fatto quella presentazione nella classe di Mrs. Selep, 3 anni fa ormai, sulle biotecnologie. Non sapevo nemmeno cosa fossero, 3 anni fa. Eppure mi affascinava tutto ciò che leggevo, mi affascinava come gli scienziati fossero in grado di manipolare geneticamente un organismo. Ma vorrei dire una cosa a tutte quelle persone che ancora non sanno cosa fare all'università, che 'eh ma quello che mi piace non dà lavoro', che non sanno ancora di preciso quale sia la facoltà giusta. Vi parlo da persona che, a causa di ciò, ha perso un anno. Non ho fatto Biotech sin da subito; ho fatto un'altra facoltà che però non mi piaceva. Ecco, se dovesse capitare anche a voi, non abbiate paura di cambiare, né di dire ai vostri genitori 'mi sono sbagliato'. Non è un fallimento; semplicemente non puoi scegliere a 18 anni cosa fare della tua vita, sei ancora troppo piccolo. C'è chi ancora non lo sa a 40, figuriamoci 18. Si è sempre in tempo per cambiare, perché credetemi, non esiste cosa peggiore di essere a lezione ascoltando cose che non ti piacciono, e sapendo che quello diventerà il tuo lavoro; allo stesso modo, non esiste cosa migliore di prendere 30 in un esame nella materia che ti appassiona di più, non esiste cosa migliore di studiare, faticare, farsi le nottate sapendo che tutta questa fatica un giorno ti ripagherà perché farai il lavoro dei tuoi sogni. Io, da grande, voglio fare la ricercatrice. Non prendetemi per pazza, ma voglio passare le mie giornate in un laboratorio e non in un ufficio. Voglio passare le mie giornate a imparare sempre qualcosa di nuovo, a studiare me stessa in pratica, perché quello che faccio è studiare ciò che avviene dentro di me, e credetemi è troppo bello. Ovviamente parlo per me, magari a voi fa schifo hahaha.
Dicevo..voglio passare le mie giornate con la consapevolezza che ciò che faccio potrebbe salvare la vita di una persona. No, non troverò la cura al cancro né vincerò il premio Nobel per la medicina nel 2030, ma almeno dò il mio contributo affinché un giorno questa cura si trovi. Perché sì, è tutto incentrato su quello, bene o male. Nel trovare quella proteina specifica a causa della quale si sviluppa una malattia, anche se di proteine ne esistono decine di migliaia diverse. Nel trovare il modo per farla funzionare bene, quella proteina. Voglio fare la ricercatrice e se non sarà in Italia, sarà all'estero, ovunque, ma voglio fare la ricercatrice. Studio al San Raffaele di Milano, il più grande centro di ricerca d'Italia a quanto pare. E un giorno passerò dai banchi della mia classe alle postazioni in laboratorio, sempre lì al San Raffaele, e poi dove ancora non si sa, ma farò ciò che amo.

Spero che tramite queste righe io sia riuscita a trasmettere la passione che ho per quello che faccio. Spero che anche voi ne abbiate una forte quanto la mia. Ma soprattutto spero la inseguiate.
Tutto ciò per preannunciare il tema del post di domani: c'è una persona che non crede in tutto questo, che non ha fiducia in me, nelle mie capacità, nel fatto che io possa farcela. Una persona che aveva scelto un'altra strada per me, e io ho deciso di non intraprenderla. E scusate se non c'entra nulla con il motivo per cui è nato questo blog, ma ho moltissimo bisogno di scrivere qui, come se fosse una valvola di sfogo. Non so nemmeno chi lo legga più questo blog, ma almeno serve a me, e molto anche.
Un abbraccio a tutti e a domani <3
Martina


Fai della tua passione il tuo lavoro, e non lavorerai un solo giorno della tua vita.

lunedì 4 maggio 2015

Newzz

Ciao bella gente :D
Allora, scrivo essenzialmente per tre motivi, il primo dei quali è fare un post relativo al ritorno (avvenuto ormai da quasi 2 anni e non me ne capacito ancora) e a cosa si prova blabla. Dunque, non nascondiamoci dietro un dito: essere a casa con la propria famiglia, godere del cibo italiano preparato dalla nonna e uscire con i propri amici è molto molto bello. Ciò non toglie che, anche a distanza di due anni, l'America rimanga un pensiero fisso. Ammetto che ogni tanto mi sdraio sul mio letto e mi metto ad osservare la bandiera americana che ho appeso alla parete e insomma, i ricordi tornano in mente. La voglia di tornare là non se n'è andata, anzi forse è più grande e cresce ogni giorno di più. E so che un giorno tornerò là, nella mia Pittsburgh, magari per la magistrale, e chissà chi si ricorderà di me e chi no. Ad ogni modo, devo dire che a distanza appunto di due anni ormai forse non me ne rendo più conto, ma i cambiamenti in me si sono visti. Per quanto mi riguarda quest'esperienza mi ha reso una persona più determinata perché ora sono consapevole che qualsiasi cosa io voglia raggiungere, la raggiungerò. Una persona più indipendente perché se a 17 sono andata via di casa beh, che sarà mai farlo a 20 e per giunta nel tuo paese natale. Una persona estremamente orgogliosa di sé e dell'esperienza che ha vissuto, che se solo me la nomini inizio a parlare per ora e nessuno mi ferma, e quando ho finito di descrivere il tutto non c'è persona che non mi dica "cavolo, avrei voluto farlo anch'io". Insomma, questo è ciò che si prova al ritorno.

In secondo luogo volevo annunciare UFFICIALMENTE al mondo intero che...rullo di tamburi...
DYLAN È ARRIVATO IN ITALIA!!!!
Per chi di voi non lo sapesse, Dylan (quello biondo) ora lavora per l'aeronautica statunitense, e il suo gruppo ha la base ad Aviano, vicino Venezia, e staranno qua per ben 2 anni! Inutile dire che sono la felicità fatta a persona, specialmente perché tra poco (non appena avrà la macchina) verrà a Milano a trovarmi! Non vedo l'ora!!! Ha detto che l'Italia gli piace molto e che il cibo è amazing hahaha, sicuramente quando viene gli farò fare un giro sui Navigli o comunque lo farò divertire come in America nemmeno si immaginano ;D Quando sarà qua aggiornerò il blog così vi dirò cosa si prova a rivedere un amico dopo così tanto tempo!


La terza cosa è invece molto più seria e purtroppo non avrei mai voluto trovarmi nella circostanza di doverla scrivere: circa due settimane fa l'altro Dylan, quello che mi piaceva (quello che seguivo nei corridoi per intenderci) si è tolto la vita a causa di una forte depressione. Non ho molto da aggiungere, solo mi dispiace veramente tantissimo e tante volte bisogna trovare la forza di reagire senza arrivare a certe decisioni. Era un bravissimo ragazzo e sicuramente mancherà a tutti. Come se ciò non bastasse, ho scoperto anche un'altra notizia tragica: non so se ve lo ricordate, ma a Mr Boggess, il mio prof di storia americana, è stata diagnosticata la leucemia. Ha solo 35 anni, una moglie e due bambine, quindi se Dio esiste spero vivamente non faccia accadere un'ennesima tragedia in quella scuola. Tutte le mie preghiere saranno rivolte a lui.

Detto questo, vi lascio e vi auguro una beeeellissima settimana :)
Ci riaggiorniamo quando arriva Dylan, un bacio a tutti
Martina

mercoledì 24 dicembre 2014

BACK

MACCIAAAAOO!
Ebbene si, sono tornata! Principalmente per due ragioni:
1. me l'avete chiesto (tipo 7 mesi fa ma questi sono dettagli secondari)
2. mi annoio profondamente ahahah
Ad ogni modo, è passato circa un anno e mezzo dal mio ultimo aggiornamento e sono sicura che non vedete l'ora di sapere quali meravigliose avventure abbiano stravolto la mia vita...o forse non ve ne fregherà nulla ma io lo scrivo lo stesso perchè ripeto, mi annoio, e poi sinceramente mi mancava il mio amato blogghino <3
Dunque eravamo rimasti a luglio 2013 gggiusto? Giusto, e allora andiamo in ordine:
-Ad agosto sono tornata in Puglia e per tutti quelli che si sono domandati come sia andata a finire con il caro buon Lorenzo: MALE hahahaha, estremamente male. No a parte gli scherzi, talmente male che sono tornata a Milano 10 giorni prima pur di non vederlo più. BUT no worries, ora siamo rimasti super friendzzz e non mi piace assolutamente più, per carità.
-Settembre: ESAMIIIII di integrazione! Gente, una delle settimane più estenuanti della mia vita. Al di là del fatto che studiare in 2 mesi ciò che in classe si fa in 9 non sia la cosa più semplice al mondo, lo diventa ancora meno se decidi di ripetere tutto l'ultima settimana, come chiaramente io e Ali abbiamo fatto. Della serie che la sera prima dell'ultimo orale mi tremava la gamba da sola da quanto ero agitata, anche perchè il giorno dopo avrei incontrato la prof di italiano arrivata in quarta, che tutti dicevano essere la più PERFIDA al mondo. (se non sei preparato è ovvio che ti mette 4, ndr.) Ma anche qui tutto bene, i miei prof che mi vogliono tanto bene mi hanno dato 7 crediti quindi SI, l'anno all'estero dà assolutamente crediti.
- Settembre-Giugno: QUINTA LICEO. Sorvoliamo su questo periodo buio della mia vita. Dovrebbero inventare un girone all'inferno per colui che ha inventato la quinta liceo, maledetto infame. Malemale, senonchè tutti i miei sforzi sono stati ripagati con un bel 100 <3 quindi NO, l'anno all'estero non ti compromette la maturità (sì, sono consapevole che non mi servirà a niente nella vita essere uscita con cento, ma almeno è una soddisfazione personale). Durante questo periodo inoltre ho rafforzato il rapporto con la mia classe che, credetemi, mi manca immensamente, era una seconda famiglia per me.

SUMMER 2014
Meritato riposo! Una delle estati più belle della mia vita, se non LA più bella. Innanzitutto perchè ho fatto molti viaggi e visitato un sacco di posti, quindi già questo mi rende molto happy, ho fatto:
- un interrail con Cami e Marghe (due mie amiche di AFS) di 3 settimane che ci ha permesso di fare il giro delle capitali europee, quindi abbiamo visto Vienna, Praga, Berlino, Copenhagen, Amburgo e Brema, Amsterdam, Rotterdam, Bruxelles e Parigi. Davvero una figata, abbiamo conosciuto gente from all over the world e boh, consiglio a tutti voi di farlo, specialmente se si è in compagnia di altri exchange! Fikofikofiko.
- PUUUUUGLIA di nuovo dove ho decisamente rafforzato l'amicizia con alcune persone e ne sono molto felice, davvero io amo troppo andare lììì
- CostaCrociere lavacanzachetimanca che in realtà non mi manca per niente, ma ho comunque visto Barcellona, Cadice, Casablanca, Tangeri, Lisbona e Valencia.

Quindi ecco un'estate all'insegna del viaggio <3 MAAA il motivo principale per cui è stata una bellissima estate è che in periodo maturità ho conosciuto colui che adesso è a dir poco fondamentale per me, cioè Giuseppe, e boh son felice come una Pasqua (anche se domani è Natale). E sapete cosa? Mi piacerebbe tanto tanto tantissimo tornare là con lui e fargli conoscere l'altra mia vita, ma purtroppo costa l'ira di Dio ahah e nulla, aspetterò e nel frattempo cerco di mettere da parte il cash ;)
Anywayz, dopo la maturità non avevo voglia di studiare per i test di ingresso dell'uni, quindi ho avuto la geniale idea di iscrivermi a FISICA e sì, sono pienamente consapevole di essere pazza, talmente consapevole che ho deciso di cambiare facoltà hahah. Non che non mi piacesse, ma c'è qualcosa per cui ho veramente la passione e voglio a tutti i costi fare quello. Parlo di Biotecnologie, passione trasmessami (?) dalla grandissima Mrs. Selep <3 Ergo, tirando le somme della mia vita, tra qualche mese faccio e supero il test d'ingresso per Bio, e cerco di dare subito gli esami in modo tale da fare (quasi) due anni in uno cosicché mio padre non mi scuoi viva per aver perso l'anno. No, non ce la farò mai ma lasciatemi sognare. Nel frattempo che faccio? Dò ripetizioni di inglese :D C'è un'organizzazione che lavora su tutte le uni di Milano e ti aiuta a superare gli esami grazie a della lezioni private, ecco io lavoro per loro, mi pagano bene e sono molto happy (sì, è un periodo della mia vita particolarmente felice, non so se si fosse notato). Ah e poi entro marzo prendo anche la patente così non smadonno più dietro ai pullman che non arrivano mai e guess what? Sarò ANCORA più happy! :D A marzo poi inizio anche a frequentare bio, così inizio a studiare (HAHAHA ci crediamo tutti) e nada, tutto qua...questa è la mia vita ora...niente di emozionante!

In questi giorni. non avendo io una beata fava da fare, aggiornerò sul lato 'America', cioè come mi sento ora circa quell'esperienza aaaand blablablabla, quiiiindi STAY TUNED!
Ora invece qualche foto:

INTERRAIL: https://www.facebook.com/martitosc/media_set?set=a.10201960083718452.1073741839.1675746948&type=3

PUGLIA: no, non penso ve ne freghi molto hahaha
CROCIERA: ehm...next time, non le ho su questo pc *scimmietta*
Bene, non so che altre foto mettere ahahah va beh, mi eclissssso, ciau <3

PS MERRY CHRISTMAS GUYS! <3

martedì 9 luglio 2013

Addio Blog :')

Chiedo umilmente perdono per il ritardo, questo blog andava chiuso entro giugno! Ma tra studio e balle varie non ho avuto nè tempo nè voglia. Dunque, che dire. Questo è l'ultimo post di questo blog che mi ha accompagnata durante l'anno più difficile, importante, intenso, bello della mia vita. È stato come un compagno di viaggio, un posto dove sfogarmi e devo ringraziare tutti voi per tutte le visite, i commenti e i complimenti che mi avete fatto, sono contenta che questo sito che ho creato così a caso vi sia stato utile :) Ad ogni modo, ormai sono in Italia da 3 settimane e devo dire che sto bene, casa è sempre casa, non c'è niente da fare! Parlare in italiano con gli amici e capirsi al volo, le battute, l'ironia, la spontaneità. Tra l'altro sono appena tornata da una vacanza a Finale Ligure con l'Alice e altri amici, e penso che ogni anno che ci andiamo diventiamo sempre più uniti. Ovviamente non mi sono dimenticata degli amici americani, infatti sento spesso Bobby e mi scambio snapchat con Jake (quando sarete in America capirete bene cos'è sto benedetto snapchat haha). Non mi mancano poi così tanto, cioè non fraintendetemi, voglio dire che sono talmente impegnata e circondata da persone che non ho nemmeno il tempo per pensare all'America. Ovvio che se fossero qui con me sarebbe bellissimo, inutile dirlo! Insomma, rientro direi più che positivo..senza contare che tra meno di 3 settimane parto per la Puglia (con l'Alice chiaramente haha, stiamo recuperando bene un anno di separazione), e chi mi conosce sa bene CHI c'è in Puglia. Mamma mia un anno che non lo vedo, non so come io abbia fatto. Il 26 agosto iniziano gli esami di integrazione per i crediti, la mia amatissima scuola mi fa fare tutto il programma di tutte le materie, il che è umanamente impossibile, quindi devo parlare con i prof per farmi togliere delle parti. Sono un po' invidiosa dei futuri exchange haha, siete fortunati voi che state per partire! Vi auguro di vivervela al meglio, che è un'esperienza che non torna più indietro, il tempo non vi aspetta e in men che non si dica sarà già ora del rientro. È un'esperienza che ti cambia, anche se magari non te ne accorgi. Insomma, è una figata. Sapete quant'è bello dire 'ho fatto un'anno in America'? Sapere di avercela fatta, tutto con le tue forze senza l'aiuto di nessuno, essere una di quelle poche persone che hanno avuto il coraggio di buttarsi in quel grande 'forse'. Ora il mio Dream Called America è finito, ma tutte le parti brutte non le ricordo, la difficoltà dei primi giorni non me la ricordo, la solitudine a scuola non me la ricordo. Non mi ricordo più nemmeno di Johanna, non la sento più ed è giusto così...l'unica cosa che mi ricordo è il divertimento coi miei amici in quella benedetta biblioteca, tutte le persone che mi hanno fatta ridere con la loro pazzia, la tristezza mia ma anche degli altri durante l'ultimo abbraccio. Ho preso IL MEGLIO DEI DUE MONDI. Spero davvero che possiate vivere un'esperienza bella come quella che ho vissuto io e che alla fine del vostro programma all'estero possiate essere così felici e soddisfatti come lo sono io, perchè ne vale davvero la pena, nonostante tutte le difficoltà. Ora è giunto il momento di salutare voi e questo mio amico blog, continuerei fino a settembre ma non avrebbe senso. È nato per l'America e finisce con l'America. Ciao a tutti, e buona fortuna. E un 'a presto' a tutti i futuri exchange di Intercultura di Milano, ci vediamo alle riunioni! :)

FATTO :)

sabato 22 giugno 2013

Hey Italy.

Beh che dire..sono a casa. E' strano, davvero strano. C'è stato un po' di shock culturale, diciamo che ad alcune cose non sono più abituata e nemmeno mi ci voglio riabituare. Qua tutte le persone attorno a me parlano italiano, e mi da fastidio. Le persone che urlano parlando al cellulare mi danno fastidio. Salutarsi con i due baci sulla guancia mi da fastidio, preferisco gli abbracci.
In aereo sono riuscita a dormire due ore, tra l'altro ho dovuto cambiare terminal e non lo trovavo, diciamo che essere a JFK da sola per 8 ore non è stata una delle esperienze più belle della mia vita, ma okay. Arrivata a Malpensa ho ritirato quasi subito la valigia, e mia mamma mi ha fatto il video mentre uscivo agli arrivi, che chiaramente non riesco a postare. C'erano mio nonno, l'altro mio nonno, i miei genitori e Ale, un mio carissimo amico che conosco da 15 anni. C'era anche Pepe, il mio barboncino, con una maglietta con la bandiera italiana e la scritta 'bentornata sorella', bel patatino mio. Appena l'ho visto non riuscivo a smettere di dire 'ma quanto sei minuscolooo?' perchè ormai mi ero abituata alle dimensioni della bestia Oliver. Volevo la pizza, ma la mia famiglia mi ha giustamente ricordato che alle 9 del mattino le pizzerie sono chiuse lol, quindi siamo andati a casa, nel tragitto non ho fatto altro che parlare di Jake, cosa che secondo me non avrei dovuto fare con lì Ale, ma lui sembra avermi capito perfettamente e dice che è normale che io parli dell'America. Appena arrivata a casa dei miei nonni ho mangiato bresaola, grana e prosciutto crudo dhfkjdgf, nettare degli dei. Ho dormito da mezzogiorno alle 7 ahah e poi a cena sono andata con i miei a mangiare la pizza a Pavia, mamma mia la bontà, gente, la bontà. A casa ho appeso la bandiera in camera mia e poi sono andata a letto a mezzanotte, stranamente sono pure riuscita a dormire e l'indomani mattina sveglia alle 6:30 per andare a fare gli esami del sangue yuhuu, ho seriamente paura dei risultati, dopo tutto ciò che ho mangiato in America avrò il colesterolo al limite dell'infarto. Ho sbrigato un paio di commissioni, sono andata a scuola a prendere i programmi, la segretaria per qualche miracolo divino è stata pure gentile, parlato con preside e prof di biologia, scoperto che siccome ho fatto quella materia in America non devo fare l'esame a settembre, gioito come non mai alla vista dei bocciati nella mia classe (finalmente dopo 4 anni non romperanno più le palle), rivisto Edo, parlato con Nigel, andata in Duomo (che è ancora più bello di quanto m ricordassi), andata a casa dell'Ali, rivisto Bea e preso un gelato da GROM (finalmente), andata a fare l'aperitivo sui navigli con i miei amici. Okay, parentesi *rivedere gli amici*: pensavo peggio. Pensavo che stando con loro sarei stata tipo 'oddio che palle voglio tornare in america', invece no. Cioè, a parte che ho praticamente parlato su fb con Bobby per tutta la sera e fatto Skype con Johanna, ho totalmente dedicato le mie attenzioni agli italiani ahaha. Il cibo dello Slice, gente. Ho mangiato come se non ci fosse stato un domani. Ah, e poi continuavo a mandare snapchat ai miei amici americani con le foto dei nostri drink, scrivendo 'hope your having fun in murica!' ahaha. Jake invece mi ha mandato uno snapchat con la foto di un mazzetto di soldi e la scritta 'penso siano abbastanza (per venire in Italia)', che amore. Mi manca non tanto, di più. Ogni cosa che faccio penso 'se Jake fosse qua potrei mostrarglielo...'. Yeah because guess what, alla fine we were not just friends lol. (SCOOOOP, ma penso l'aveste già capito). Ad ogni modo, se quel benedetto iPhone funzionasse, potrei tenermi in contatto con lui, ma non vaaa D: devo andare al centro tim dopo...Ah comunque stavo dicendo dei miei amici...sia a me che all'Ali hanno dato un cartellone con su la bandiera italiana e la scritta 'welcome back', e dietro tutti i loro nomi, bell'idea davvero non me l'aspettavo. Ieri non ho visto nessuno perchè abito in culo ai lupi, mentre oggi andrò dal dietologo. YEAH. Io e l'Ali ce la faremo. SI. SIAMO CARICHE. 10 kg in un mese, prima di scendere in Puglia, ce la possiamo fare.
Bene cambiando argomento, parte psicologica: mi sento come se fosse stato tutto un sogno, come se tutto stia pian piano svanendo. In fondo in fondo so che l'esperienza che ho fatto nessuno me la potrà mai togliere, sarà sempre parte di me, ma è come se ormai fossi troppo lontana da quella realtà. E più che sentirmi con la mia famiglia e con i miei amici non posso far nulla, proverò a mettere dei soldi da parte per tornare a trovarli il prima possibile, ma non si sa mai.

3 days later...
Okay chiedo perdono, ho scritto questo post l'ho scritto penso martedì o mercoledì, ma mi ero dimenticata di pubblicarlo. Coi miei amici va sempre meglio comunque, cioè ieri sera all'inizio ero un po', come dire, annoiata, ma poi quando siamo rimasti pochi mi sono divertita un sacco e si vede che quest'esperienza mi ha resa più sicura di me stessa, perchè il nostro è un gruppo particolare, ogni tot si aggiunge gente nuova, amici di amici, è un gruppo un po' in movimento. Li ho seriamente odiati quando hanno fatto camminare me e l'Ali per un'ora e mezza perchè da Brera hanno voluto spostarsi in Solari, ma okay. Gli esami del sangue non sono andati male come pensavo, ma la dieta si fa lo stesso. Bene gente, ora vi metto un paio di foto e poi a breve farò il post conclusivo di questo blog che è stato per me come un compagno nell'esperienza più bella della mia vita :)
Ciao a tutti :)